please wait ..

Visualizza tutti gli articoli: News

Giovedì 14 dicembre  il Mu.MA ha presentato i risultati della nona edizione della Carta del Mare, al Galata Museo del Mare Auditorium. Uno strumento utile  per far emergere esperienze e buone pratiche su valorizzazione e tutela del mare, attuate nel 2017 da operatori pubblici e privati, singoli ed associati. Una carta a punti, per riflettere sulle proprie buone pratiche e diffondere comportamenti virtuosi in 7 aree: cultura, ambiente, accoglienza, lavoro, innovazione, relazioni e catena di fornitura.  Hanno partecipato Maria Paola Profumo, Presidente AMMM- Musei del Mare del Mediterraneo, promotrice della Carta del Mare; Paola Bordilli, Assessore Turismo, Commercio e Artigianato Comune Genova; Maurizio Daccà, Vice Presidente Associazione Promotori Musei del Mare Onlus; 

L’edizione 2017 dedicata all’Innovazione, ha registrato un numero maggiore di buone pratiche  sui temi della cultura e della comunità locale, seguiti da ambiente, accoglienza e accessibilità. I protagonisti della nona edizione, innovativi e sostenibili, hanno proposto più di 4000 Buone Pratiche, la buona pratica più affrontata la lotta all’inquinamento. Gli aderenti, si sono impegnati anche nell’accoglienza, nel dialogo interculturale, nel coinvolgimento delle comunità locali, lo sviluppo e la tutela del territorio.

Nel 2017  ci sono state nuove adesioni in tutti i settori e un contributo significativo è stato dato dagli aderenti “storici “ che sono diventati “Ambasciatori della Carta del Mare “. L’adesione  alla Carta del Mare è gratuita, si apre ogni anno a maggio, si conclude a dicembre. Per informazioni,  è possibile consultare il portale della  Carta www.cartadelmare.it

Un incremento importante si è verificato nelle imprese balneari con l’adesione della F.I.B.A. Liguria – Federazione Italiana Imprese Balneari i cui associati sono 291. Da segnalare l’adesione del Consorzio Ingauno Energia Pulita, la cui mission è contribuire alla tutela dell’ambiente con la diminuzione dell’immissione nell’atmosfera di anidride carbonica.

Nuove adesioni si sono avute anche da altre Regioni e Paesi, per citarne alcune: CAMPANIA MARCHE, PIEMONTE, SARDEGNA, SICILIA, FRANCIA, TURCHIA.