please wait ..

Visualizza tutti gli articoli: Mostre

Dal 7 al 21 luglio al Galata Museo del Mare presso la Galleria delle Esposizioni la mostra “CONTROVENTO” di Giusella Brenno. L’artista porta in esposizione 45 opere delle quali, molte sono realizzate con sabbia, conchiglie, reti da pesca,  sassi e sale marino.

Il pubblico potrà ammirare anche grafiche con tecniche a matita gessetti e pastelli ad olio. Nello spazio espositivo sono state posizionate due installazioni che raccontano esperienze legate al mare con un particolare omaggio alle vittime: i migranti del mare.La Brenno nelle sue creazioni artistiche riesce a coniugare poesia e sociale in perfetta simbiosi trasmettendo all’interlocutore emozioni e spunti di riflessioni

 

Giusella Brenno vive e lavora a Nova Milanese dove ha lo studio, pittura e poesia si fondono nelle sue opere con la stessa intensità emotiva. Consegue la Laurea in PITTURA  nel 1980 presso l’Accademia di Belle Arti di Brera a Milano, sotto la guida di maestri come Domenico Cantatore, Aldo Turchiaro e Natale Addamiano, dimostra ben presto di saper imboccare e percorrere una strada tutta sua. Le tracce lasciate dai maestri riguardano soprattutto le lezioni sull’uso del colore. Nel 1983 riceve il “PREMIO SALVATORE QUASIMODO” con la Raccolta di versi “GLI OCCHI DELLE COSE”.

 

La vicenda pittorica di Brenno si evolve da un primo periodo informale astratto,attraverso una serie di dipinti simbolici – surreali, fino all’attuale ricerca più materica che prende forma nella Serie di dipinti “SABBIE” in esse è tangibile il suo sentimento esistenziale, la trasfigurazione poetica della memoria e del desiderio di futuro, la nostalgia dell’infanzia, l’aspirazione all’armonia tra mondo psichico e ambiente naturale e onirico, il superamento delle ansie in equilibri di affetti e di percezioni. e tecniche diverse si tramutano in raffinate riflessioni pittoriche.  Riceve il Premio della Critica “Personalità artistica Europea nel 2013 a cura del critico d’arte Salvatore Russo e il Premio  Internazionale Tiepolo a Palazzo Clerici nel 2016 a cura della EA Editore. Ha esposto nel 2013 a Berlino e in altre Gallerie Internazionali e nel 2017 a Palazzo Zenobio a Venezia.

Le sue opere si trovano in collezioni pubbliche e private.